Carta Famiglia

(L.R. 11/2006 e successive modifiche)

Che cos’è?
È lo strumento regionale di sostegno alle famiglie. Va rinnovata ogni anno entro il mese successivo alla scadenza dell’ISEE. Se attiva, permette di avere delle agevolazioni sulle spese dell’elettricità dell’anno precedente e sui benefici locali riconosciuti annualmente, inoltrando le domande per i bonus nel periodo di validità del bando.
Per il 2013 la Regione ha attivato delle convenzioni con alcuni esercizi commerciali per sconti sui generi alimentari attraverso la card. I negozi convenzionati esporranno il contrassegno “FAMIGLIA FVG” mentre l’elenco completo è consultabile al seguente link: http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/famiglia-casa/politiche-famiglia/

Da chi viene concessa (= a chi rivolgersi per fare domanda)?

Dal Comune di residenza a chi è in possesso dei requisiti di legge. Per il Comune di Palmanova, l’ufficio preposto è il servizio sociale secondo gli orari di sportello dedicato.

A chi viene concessa?
Ai genitori/genitore con almeno un figlio a carico fiscale (anche maggiorenne: reddito inferiore ai 2840,51 € al lordo di oneri deducibili) in presenza dei requisiti di legge.

Quali sono i requisiti del genitore/genitori?
-    Avere almeno un figlio a carico fiscale;
-    Avere un ISEE del nucleo non superiore a € 30.000,00 indipendentemente dal numero dei figli a carico;
-    Essere residente in Regione da almeno 2 anni;
-    Essere cittadino:
o    italiano
o    comunitario
o    cittadino non comunitario con permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
o    cittadino extracomunitario con permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno e residente in Italia da almeno 5 anni
o    titolare dello status di rifugiato e dello status di protezione sussidiaria ai sensi del decreto legislativo 19 novembre 2007, n. 251

Qual è il limite ISEE?
L’Isee non deve essere superiore ai € 30.000,00 indipendentemente dal numero dei figli a carico.

Quant’è il beneficio?
Il quantum viene erogato in base al numero dei figli a carico, per cui si riconosce una soglia:
-    bassa con un figlio a carico
-    media con due figli a carico
-    alta con tre o più figli a carico.

La percentuale di rimborso sul dichiarato in domanda viene stabilita di anno in anno dalla Regione.

Motivi di revoca:
-    trasferimento di residenza fuori Regione
-    variazione condizione economica che porti ad avere ISEE superiore ai 30.000,00 euro
-    accertata falsità delle dichiarazioni e delle autocertificazioni
-    accertato improprio utilizzo dell’identificativo

NB: a chi viene revocato il beneficio non può presentare nuova richiesta nei successivi 24 mesi dalla revoca.

 

E' aperto il bando 2013. Clicca qui per informazioni e modulistica.