Servizi Socio Educativi

I servizi socio-educativi territoriali sono servizi di sostegno alle famiglie con minori qualora vi siano al loro interno difficoltà nello svolgimento della funzione educativa e rischio per i figli, nella dinamicità delle diverse istanze evolutive, di vedere compromesso il processo di riconoscimento e soddisfazione dei propri bisogni di crescita.

Essi si propongono di intervenire precocemente in situazioni di svantaggio individuale, sociale, culturale, promuovendo condizioni idonee allo sviluppo armonico ed equilibrato dei bambini/e, ragazzi/ e prevenendo quindi l'istituzionalizzazione.

E' rivolto anche a minori e adulti portatori di handicap

Destinatari, Tipologia, Prestazioni
1) Servizio socio-educativo territoriale per minori e adolescenti in difficoltà
I destinatari diretti dell'intervento sono
:

  • minori con difficoltà familiari di tipo educativo-sociale-economico
  • genitori con difficoltà educative.

Il servizio educativo territoriale si esplicita in:

servizio educativo domiciliare
svolto di norma a domicilio della famiglia è rivolto agli alunni frequentanti scuole di ogni ordine e grado e si esplica in attività di sostegno didattico e di mediazione con la scuola, attività anche esterne volte a favorire l'autonomia e la socializzazione, organizzazione e gestione di attività manuali e pratiche, accompagnamento ad iniziative ludico-ricreative, orientamento all'utilizzo delle risorse del territorio, supporto educativo alla famiglia nello svolgimento delle sue funzioni;

servizio educativo integrativo della funzione genitoriale
svolto all'interno del nucleo familiare si esplica nelle attività di educazione all'accudimento dei figli, responsabilizzazione alla funzione genitoriale, supporto nelle cure quotidiane e verifica delle capacità genitoriali;

servizio educativo di protezione e tutela
si esplica nell'attività di mediazione del rapporto genitori-figli all'interno di uno specifico progetto di sostegno e controllo delle capacità genitoriali generalmente disposto dall'Autorità Giudiziaria;

2)Servizio socio-educativo per minori e adulti portatori di handicap
Si esplica in:

  • servizio socio-educativo extrascolastico per l'handicap
    svolto di norma a domicilio della famiglia è rivolto agli alunni frequentanti scuole di ogni ordine e grado e si esplica attraverso le attività di cui al servizio educativo domiciliare;
  • servizio socio-educativo per l'handicap in contesto scolastico
    svolto nella struttura scolastica di competenza è rivolto a casi particolari ad integrazione delle attività attuate dal personale docente;
  • servizio socio-assistenziale scolastico
    mira a rimuovere gli ostacoli che impediscono la piena e libera fruizione delle strutture e attività scolastiche del disabile e si esplica nelle attività di custodia, cura ed igiene della persona, aiuto nella mobilità, supporto nell'utilizzo di strumenti ed ausili, accompagnamenti, somministrazione pasti;
  • servizio socio-educativo per adolescenti e adulti con handicap
    svolto a domicilio, sul territorio o in strutture territoriali individuate all'occorrenza è rivolto a portatori di handicap al di fuori del circuito scolastico che necessitano di programmi individualizzati volti al recupero e/o mantenimento di abilità e /o allo sviluppo di potenzialità di tipo occupazionale.

L'attivazione di ogni singolo intervento è preceduta da un'analisi multidimensionale e multiprofessionale dei fattori familiari, individuali ed ambientali che concorrono a determinare una situazione a rischio, generalmente svolta in modo integrato con la componente sanitaria. A tale valutazione iniziale segue la costruzione di un progetto globale d'intervento di cui la famiglia è parte attiva e che deve prevedere:

  • gli obiettivi educativi definiti in termini di cambiamento
  • le aree dell'intervento
  • i destinatari diretti ed indiretti dell'intervento
  • le risorse a cui fare riferimento
  • i momenti di verifica

Il servizio sociale referente per il caso, in base all'articolazione organizzativa del Servizio sociale dei Comuni, attiva la procedura di ammissione ai servizi socio-educativi attraverso la domanda della famiglia (salvo i casi sottoposti a provvedimenti dell'Autorità giudiziaria) e la scheda di attivazione da presentare all'Ente gestore che a sua volta la invia alla ditta/cooperativa che gestisce i servzi specifici.

I servizi socio-educativi di cui al presente articolo sono erogati a titolo gratuito compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili. Rappresentano livelli essenziali di assistenza ai sensi dell'art. 22, comma 2, lett. c) e f) della legge n. 328/2000 gli accessi al servizio dei soggetti aventi le seguenti caratteristiche:

  1. minori con necessità di prestazioni socio-assistenziali in ambito scolastico con certificazione di handicap grave di cui all'art. 3 comma 3 L. 104/92 ;
  2. minori con necessità di prestazioni socio-educative in ambito scolastico ed extra scolastico con certificazione di handicap grave di cui all'art. 3 comma 3 L. 104/92;
  3. minori soggetti a provvedimenti dell'Autorità giudiziaria in ambito civile con esplicita prescrizione di attivazione del servizio;
  4. minori soggetti a provvedimenti dell'Autorità giudiziaria in sede amministrativa.