Comune di Palmanova

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Comune di Palmanova > Notizia

La vecchia sede dei Carabinieri in Piazza a Palmanova ritorna al Comune

Martines: “La proporremo al mercato. L’immobile va rivalutato”

Dopo il trasferimento nella nuova sede dell’ex tribunale, la vecchia Compagnia e Stazione del Comando dei Carabinieri di Palmanova, dopo 53 anni, torna al Comune. Con la firma dell’accordo, lo stabile in Piazza Grande, ormai non più utilizzato dalle forze dell’ordine, potrà essere rivalutato e riqualificato.

“Lo proporremo al mercato. Si trova in una posizione invidiabile e si affaccia su una delle più belle piazze della nostra regione e d’Italia. Qui i privati potranno rivalutarlo e proporne un fine commerciale: un albergo, un ristorante o altra attività. Il Comune sta lavorando con grande impegno per sviluppare la città e renderla attrattiva ma non può sostituirsi agli imprenditori che voglio investire sulla Palmanova del futuro” commenta il Sindaco Francesco Martines.

La struttura si compone di due zone: la caserma e gli alloggi. La prima, di quasi 700 metri quadri, è composta da tre piani dedicati agli uffici e alla centrale operativa e la seconda, collegata con un ampio giardino interno, è suddivisa in due abitazioni (di 100 e 160 mq). Altre aree sono adibite a garage.

“Il Comune ha fatto tantissimo in questi anni per dare ai Carabinieri una sede più funzionale e dignitosa, mantenendo qui la Compagnia per questioni di sicurezza, di sviluppo economico e di prestigio. Con un investimento di 250.000 euro gli spazi dell’ex Tribunale sono stati adattati alle necessità delle 50 persone che qui, ogni giorno, lavorano per la nostra sicurezza. Abbiamo apprezzato la grande soddisfazione del Comando per la sistemazione scelta” aggiunge il primo cittadino.

Che conclude: “Ora è il momento di attivarsi sul vecchio stabile per non lasciarlo vuoto e improduttivo, per renderlo funzionale al nuovo sviluppo turistico ed economico della città di Palmanova, per metterlo al servizio dei cittadini e creare nuove opportunità di sviluppo e occupazione”.